L'olio d'oliva viene usato durante la frittura?

L'olio d'oliva è uno dei più grandi segreti del gusto di quei meravigliosi piatti della nostra cucina. È una parte indispensabile di pasti leggeri e sani. È utilizzato in quasi tutte le ricette, dalle insalate agli antipasti, agli involtini, al ripieno e ai piatti in pentola. La sua guarigione è abbondante e non ne hai mai abbastanza di intingere il pane da solo e mangiarlo. L'olio d'oliva ha sempre un posto molto diverso nella nostra cultura e sui nostri palati.

Quando si tratta di friggere, un ingrediente che fa parte delle nostre tante ricette rimane sempre in secondo piano. Nella nostra società, c'è una massa enorme che dice "L'olio d'oliva non è usato per friggere". Nonostante loro, una piccola massa continua a usarlo in frittura, poiché lo usano in ogni pasto. Una situazione simile prevale nelle cucine del mondo. Ma si usa davvero l'olio d'oliva per friggere? Impariamo insieme la risposta a questa domanda ea tutte le sue incognite. Una volta che li conosci, la scelta è di nuovo tua.

Si usa l'olio d'oliva per friggere?

Nelle nostre cucine tendiamo a concentrarci sugli oli liquidi, principalmente olio di girasole, perché è più economico e pensiamo che sia resistente al calore. "Non mettere l'olio d'oliva nella padella fritta, brucerà", dicono sempre i nostri anziani e le nostre madri. Temiamo da anni che brucino ad alte temperature e diventino tossici. Tuttavia, l'olio d'oliva viene utilizzato nella frittura soprattutto nella cucina dell'Egeo e l'olio d'oliva viene utilizzato nella frittura per ottenere sapori più leggeri nelle cucine del mondo. Ma quanto è vero ciò che abbiamo conosciuto finora? Prima di tutto, gli oli che bruciano sono oli che non sono affatto resistenti al calore e diventano tossici molto rapidamente. Tuttavia, l'olio d'oliva è uno degli oli più resistenti al calore. Ci sono decine di studi sull'argomento. Alcuni di questi studi sottolineano che l'olio d'oliva non brucia molto rapidamente, ma al contrario, è uno degli oli che può resistere alle alte temperature.

L'olio d'oliva brucia?

Secondo i risultati della ricerca condotta dal Dipartimento di Scienze degli Alimenti dell'Università di Bologna in Italia; Quando l'olio d'oliva è alla giusta temperatura e viene utilizzata l'attrezzatura di cottura giusta, il punto di ebollizione dell'olio d'oliva inizia nell'intervallo di 190-220 gradi a seconda del tipo di olio d'oliva. Nell'olio di girasole o in altri oli liquidi, questo rapporto è di circa 180 gradi. In un altro studio, si dice che la durata dell'olio d'oliva è fino a 220 gradi. In altre parole, possiamo dire che l'olio d'oliva non si usa quando si frigge, brucia, questo risultato è confutato. L'olio d'oliva, infatti, è più resistente al calore.

Quale olio d'oliva si usa per friggere?

Secondo uno studio, l'uso di olio d'oliva durante la frittura è molto più salutare e più vantaggioso rispetto all'uso di olio di canola o di girasole. Soprattutto, più aumenta il livello di acidità dell'olio d'oliva, più diventa durevole. Raccolto precocemente, l'olio extravergine di oliva raggiunge un punto di ebollizione a 190 gradi, mentre questo tasso è compreso tra 210-220 in Riviera. Quando l'olio extravergine d'oliva è fritto, lascia un odore di olio d'oliva. Chi non ama questa fragranza può utilizzare anche l'olio d'oliva riviera.

Una piccola nota: Tuttavia, in questi studi si afferma che la situazione sarà diversa per ogni olio d'oliva. Pertanto, l'intervallo è compreso tra 190-220. Il grado di riscaldamento di ogni olio d'oliva è diverso l'uno dall'altro. Soprattutto se si afferma che l'olio d'oliva è prodotto solo per essere utilizzato con aromi freddi, non utilizzare un tale olio per un pasto che cucinerai ad alta temperatura o per molto tempo. Dicci.

Quali sono le differenze quando si usa l'olio d'oliva durante la frittura?

Poiché è un tipo di olio che non brucia rapidamente, il cibo che friggi non diventa tossico. Assorbe meno olio e assicura che i prodotti fritti abbiano un sapore più leggero.

Alla luce di tutte queste informazioni, lasciamo a te la scelta dell'olio che desideri utilizzare nelle tue cucine. Che il gusto e il piacere dei tuoi pasti siano abbondanti.

Riferimenti:

Ricerca del Dipartimento di Scienze degli Alimenti dell'Università di Bologna

Ricerca del Journal of Agricultural and Food Chemistry

Ricerca del Consiglio oleicolo internazionale

messaggi recenti