14 Buone informazioni che dimostrano l'importanza della cultura alimentare nell'impero ottomano

La convinzione che il focolare, il cibo e l'unità familiare siano correlati, che esisteva anche nelle antiche tradizioni turche, continuò per tutto il periodo ottomano. Dichiarazioni lasciate oggi come "pentole bollenti in casa vostra", "camini fumanti"; Dimostra che i legami stabiliti tra cucina, cibo e la continuazione della famiglia sono ancora vivi.

Il gusto è ancora diverso: tavoli da terra

La parola "Sofra" deriva dalla stuoia sul pavimento per mangiare. I turchi hanno usato questa diffusione in questo modo sin dall'Asia centrale e mangiavano sulla tavola del pavimento. La tovaglietta era stesa sulle ginocchia e il pasto veniva consumato dalla base stesa e il seno posto su di esso.

Anche durante il periodo di massimo splendore dei palazzi ottomani, i tavoli da pranzo in stile europeo non furono usati e le sale da pranzo non furono stabilite. Il trio di stuoie, stuoie e vassoi ha continuato ad essere utilizzato durante i pasti. Il tavolo da pranzo è entrato nelle terre ottomane dal 1800, ma non è stato ampiamente utilizzato fino al XX secolo.

For Abundance: La preghiera della tavola

Secondo vecchi documenti, una delle preghiere a tavola prima di iniziare a mangiare durante il periodo ottomano è la seguente:

O Signore, grazie a Dio,

Possa Allah fare tutto ciò che abbiamo mangiato,

Lascia che non diminuisca, lascia che la pietra cada.

Lascia che dia il suo merito, questo è andato e ne arriva uno nuovo.

Il nostro tavolo è leggero, indietreggia accidentalmente, per sbaglio,

Rendi la nostra casa, la nostra condanna,

Halil İbrahim custodisce le sue benedizioni.

Amin al-fatiha.

Anche la cenere del focolare non veniva sprecata: strumenti e attrezzature nell'impero ottomano

I nostri antenati usavano apparecchi come fornelli, tandoor, lamiere, forni sotterranei e fuori terra come stufe. Cuocevano il caffè in pentole di rame nei barbecue che usavano per riscaldarsi, kebab di castagne, brace di patate e persino una ciambella chiamata “cenere” nella cenere.

Domanda: come verrebbe fornita l'acqua potabile?

Durante il periodo ottomano, il fabbisogno idrico veniva soddisfatto con pompe. Le pompe potrebbero essere all'interno o all'esterno delle cucine. Coloro che non avevano una borsa avrebbero soddisfatto il loro fabbisogno idrico dai pozzi d'acqua aperti.

Sapori rari: tavoli da banchetto nell'impero ottomano

Nell'impero ottomano ci sono carni che si trovano sulle tavole dei banchetti ma che oggi vengono consumate raramente: anatra, oca e piccione. Questo perché questi animali venivano cacciati da cacciatori privati ​​in vaste aree e i cortigiani li consumavano. Inoltre, sulle tavole dei banchetti non mancheranno riso pilaf, fagiano kebab, sorbetto, pasticceria e ciambelle, güllaç e zerde. Dopo il pasto, si mangiava prima l'halva e poi la frutta. Alla fine, i sorbetti erano bevuti.

A loro piacevano molto: la cultura della frutta nell'impero ottomano

Secondo i registri del cibo portato alla cucina del palazzo, il consumo di frutta nel palazzo era piuttosto elevato. I frutti più consumati; le varietà di uva erano melograno, pera, albicocca, fico, prugna, mela, mela cotogna, agrumi, amarena e mirtillo rosso. I frutti venivano consumati freschi e utilizzati per preparare composta, marmellata, sorbetto e sottaceti.

Ai piatti a base di carne macinata venivano infatti aggiunti uvetta, albicocche, datteri, castagne e mele. Le varietà di pasticceria e ciambella realizzate con ripieno ottenuto mescolando carne macinata con frutta secca sono originariamente originarie del Medio Oriente. I crociati che vennero a combattere nei paesi del Medio Oriente impararono questo metodo e lo introdussero in Europa.

Sono ovunque: fiori nell'impero ottomano

I tavoli del palazzo erano decorati con fiori come giacinti, rose, garofani e narcisi, e venivano bruciati come muschio, ambra e incenso o in un incensiere per far profumare il posto. Anche i fiori di viola e di pesco venivano acquistati nella cucina del palazzo, venivano preparati e bevuti come tè, aggiunti a dessert e marmellate e usati per decorare pasti e dessert. Inoltre, i fiori venivano inviati ai sultani, importanti funzionari del palazzo, statisti o donne nell'harem per congratularsi e festeggiare in giorni speciali.

Il nome di Gülhane: Güller

Uno dei fiori più popolari nel periodo ottomano senza dubbio rise. Durante il regno di Fatih Sultan Mehmet, una parte di Hasbahçe che circonda il Palazzo Topkapi fu organizzata come un roseto per soddisfare le esigenze di rose del palazzo. Oggi chiamiamo quel giardino "Gülhane". È stato creato piantando alberelli di rose portati da Edirne qui.

Il conquistatore dei modi di mangiare e bere: Fatih Sultan Mehmet

Dopo la conquista di Istanbul, Fatih Sultan Mehmet ha preparato e messo in atto una serie di leggi. Alcuni di loro stavano anche mangiando. Stabilì la regola che i sultani non dovevano mangiare con nessuno che non fosse i loro familiari. Inoltre, limitava il fatto che funzionari statali come gran visir e visir potessero pranzare con persone adatte al loro rango.

Com'è bello: la tradizione del saccheggio delle pentole

I sultani ottomani distribuivano i pasti alle persone nei luoghi in cui si tenevano le cerimonie a causa delle cerimonie di circoncisione dei loro figli e delle celebrazioni matrimoniali delle loro figlie e sorelle. Il nome di questa tradizione di distribuzione di cibo è "saccheggio delle scodelle". Di solito è distribuito in agnello, riso e curcuma.

La nostra tradizione più golosa: la pasticceria

Aprire la pasticceria nei giorni festivi è una tradizione che dura da secoli. Brioche, acqua, sac, tartaro e sfoglia sono tra i più apprezzati. Inoltre, le varietà di pasticceria erano indispensabili per i banchetti e per i tavoli iftar allestiti durante il Ramadan.

Con la musica: Halva parla

In alcune notti invernali si tenevano colloqui halva. Prima si mangiava il cibo, poi si serviva l'halva e infine si bevevano i caffè cotti alla brace. Queste conversazioni erano come incontri di socializzazione in cui le persone si riunivano per socializzare, giocare, mangiare e bere. Le conversazioni halva nel palazzo erano, ovviamente, molto più ricche di quelle fatte in pubblico. Soprattutto nel XVIII secolo, cioè durante il periodo dei tulipani, le conversazioni halvah con i tridenti musicali divennero molto famose e furono rappresentate nelle poesie dei poeti.

Per evitare litigi: dessert Zerde

Dopo tutti i tipi di banchetti, matrimoni, conversazioni e intrattenimenti, agli ospiti è stato servito il dessert zerde. La ragione di ciò era che la pianta dello zafferano contenuta nella polvere era una pianta che rilassa, rilassa e delizia le persone. Pertanto, era mirato a prevenire possibili discussioni e tensioni.

L'influenza dei tempi: le posate nell'impero ottomano

Quando l'Impero Ottomano sviluppò le relazioni con i paesi occidentali nel XIX secolo, la nostra cultura della tavola e del cibo iniziò a risentirne. Il duo di posate è entrato nella nostra cultura in questo secolo con i tavoli da pranzo. Il primo posto in cui è stato adottato è stato senza dubbio Istanbul.

Negli anni successivi si diffuse gradualmente in Anatolia. A poco a poco, i seni sono stati sostituiti da tavoli, i cuscini sono stati sostituiti da sedie e le comuni pentole per immergere i cucchiai sono state sostituite da piatti. Gli europei non usavano forchette e coltelli sin dai tempi antichi. È emerso nel XVI secolo, ma non si è diffuso in Occidente fino al XVIII secolo.

messaggi recenti