Cibo che è arrivato con la scoperta dell'America

Nel 1492, il re Ferdinando di Spagna e la sua regina Isabella accettarono di sponsorizzare la spedizione di Cristoforo Colombo. Questa sarebbe una spedizione che cambierebbe completamente il corso del mondo.

Nel Palazzo di Spagna, Colombo cerca di convincere il re e la regina a intraprendere la sua spedizione.

Era il sogno di Cristoforo Colombo, un marinaio genovese, fare questa spedizione. Colombo, che imparò da solo la matematica, la geografia e l'astronomia, voleva dimostrare di poter raggiungere il continente asiatico via mare attraversando l'Atlantico verso ovest con questo viaggio. Se la dinastia spagnola potesse dimostrarlo, accettò di sostenere i costi poiché il commercio con l'Asia sarebbe diventato più redditizio poiché la strada si sarebbe accorciata e gli intermediari sarebbero scomparsi. Ma Colombo impiegò due anni per convincerli. Dopo la sua prima scoperta, l'esploratore tornò nel suo paese con ricchezze che gli avrebbero permesso di fare spedizioni più volte.

Colombo sbarcò alle Bahamas il 12 ottobre 1492, nel suo primo viaggio. Gli indigeni qui erano la tribù Taino, e mangiavano cose che non erano riconosciute e coltivate in nessun altro paese al mondo a quel tempo: mais, zucca e fagioli.

È arrivato nel Mar Nero molto più tardi: l'Egitto

Era il cibo che la tribù Taino mangiava di più. Dopo aver raggiunto la Spagna, divenne rapidamente cibo accettato e ampiamente consumato. Tant'è che nel 1630 gli spagnoli presero in mano il commercio del grano. Quando l'Egitto raggiunse la Cina, fu ampiamente accettato anche qui perché il paese aveva la popolazione più popolosa del mondo in quel momento e questo cibo, che era facilmente coltivabile, forniva benefici pratici nel nutrire le masse.

Le persone delle Bahamas cucinano una varietà di piatti: varietà di zucca

La zucca è originaria delle Americhe. Diversi tipi di zucca e zucchine crescevano in altre parti del mondo, ma anche specie americane arrivarono in Europa dopo i viaggi di Colombo. Inoltre, i tipi di fagioli originariamente appartenevano qui ed erano uno degli alimenti più consumati dal pubblico. Si stima che sia entrato nella nostra tavola circa 200 anni dopo essere stato scoperto.

Alimentazione in Cina, Irlanda: patate

Le varietà di patate bianche e dolci provengono anche dalle Ande in Sud America. Gli indigeni di questa regione hanno coltivato circa 200 varietà di patate e sono persino riusciti a mantenere congelato questo alimento. Le patate erano le più amate, coltivate, coltivate e consumate da scozzesi e irlandesi in Europa. Quando ci fu una grande carestia e carestia in Irlanda nel XIX secolo, molti irlandesi emigrarono in Nord America e portarono con sé le loro patate. Così, la patata, un prodotto unico in Sud America, è stata portata in Nord America dagli irlandesi.

Completamente estraneo all'Europeo: ravanello, ceci e melone

Nel suo secondo viaggio, Colombo tornò con ravanelli, ceci e meloni sulla sua nave. Anche questi erano cibi sconosciuti agli europei. Inoltre, una varietà di grano, orzo e avena originaria delle Americhe, nonché canna da zucchero e agrumi furono portati nel continente dagli esploratori, e ciascuno fu accolto con grande stupore. Molti di loro erano visti come "cibi barbari" e non furono consumati per molto tempo per paura che potessero far ammalare le persone. Cacao, peperoncino e ananas erano gli alimenti più accettati.

Spezia peruviana: peperoncino rosso piccante

I resti più antichi di questa pianta sono stati trovati in insediamenti preistorici in Perù. I semi del peperoncino piccante, patria del Centro e Sud America, furono portati in Spagna e piantati un anno dopo la scoperta del continente. E si è diffuso da qui al mondo.

Insalate e salse sarebbero rimaste orfane: i pomodori

La patria del pomodoro è la costa occidentale del Sud America. Quando gli spagnoli portarono il pomodoro nel loro paese, gli europei pensarono che il pomodoro fosse velenoso a causa dell'odore proveniente dalle foglie della pianta. Quando in seguito si è capito che non era velenoso, è diventato indispensabile per la cucina spagnola. Questa cucina, oggi famosa soprattutto per i suoi sughi, deve la sua fama al pomodoro.

L'aldilà degli Incas: Peanuts

La patria dell'arachide, che amiamo mangiare e schiacciare da sola, non è chiara, si pensa sia il Brasile o il Perù. Barattoli pieni di noccioline sono stati trovati dalle tombe degli Incas, gli indigeni del Perù. Sono destinati al cibo nell'aldilà. I commercianti spagnoli portavano noccioline nei loro paesi d'origine, in Africa e in Asia.

Riuscite a immaginare un mondo senza cioccolato ?: Cocoa

Gli alberi di cacao sono stati coltivati ​​sin dal V secolo a.C. dagli Olmechi, una delle più antiche popolazioni indigene d'America. Anche altri popoli americani Maya, Aztechi e Toltechi hanno beneficiato dei frutti degli alberi di cacao, che possono crescere solo in un clima temperato e piovoso. Ma non sapevano come fare il cioccolato dal cacao come lo conosciamo oggi. Gli indiani schiacciarono le fave di cacao, le mischiarono con l'acqua per formare una pasta e ne fecero una bevanda aggiungendo dolcificanti come il miele. Lo chiamavano "xocolatl" e la sua pronuncia è "shocko latte". Successivamente questa bevanda è stata trasformata dagli europei nella cioccolata calda che conosciamo oggi. Gli Aztechi usavano anche le fave di cacao come sostituto del denaro. Quando Colombo tornò in Spagna da un'altra spedizione nel 1502, portò con sé questi grani per mostrare il denaro usato dai barbari. Nel 1519, un altro esploratore, Cortes, vide gli Aztechi preparare e bere un latte shock. Ma gli italiani che vennero nel continente nel 1606 impararono la ricetta, la svilupparono e la diffusero in tutta Europa. Nel 1657, gli inglesi aprirono il primo negozio di cioccolato in Europa.

In effetti, andrebbe bene se no: tabacco

Colombo incontrò per la prima volta il tabacco nel 1492 a San Salvador. La gente del posto gli ha offerto sia il frutto che le foglie essiccate di questa pianta. L'esploratore mangiò il frutto ma non sapeva cosa fare con le foglie e le gettò via. Quando Rodrigo de Jerez del suo equipaggio ha visto che la gente del posto a Cuba beveva le foglie essiccate di questa pianta durante le cerimonie in segno di buona volontà, è diventato chiaro cosa stava facendo. Circa un secolo dopo, il tabacco si è diffuso in tutto il mondo dalla Spagna al nostro paese e da qui a tutta l'Asia.

E altri...

Oltre a tutti questi alimenti, è di origine americana anche il girasole e il mirtillo, frutto indispensabile dei dolci europei, coltivati ​​nel nostro Paese da secoli, e la vaniglia, che è nella nostra vita quotidiana con il suo gusto e profumo. Altri cibi di cui siamo a conoscenza solo in questo secolo, come l'agave, che conosciamo con il suo sciroppo, la quinoa, uno degli ultimi ingredienti delle nostre insalate, e l'avocado, che ormai è più comune nelle nostre tavole, sono anch'essi alimenti originari dalle Americhe.

messaggi recenti