I ricordi di Atatürk pieni di lezioni

È facile parlare, quest'anno sono stati 81 anni, dovrebbe chiudere gli occhi al mondo ... Con quello che ha messo nella sua vita, quello che ha fatto per noi, la sua posizione nel mondo, la sua visione, i suoi pensieri ogni giorno, ogni momento, siamo ancora nelle nostre menti, cuori e lingue ...

Sappiamo quanto possiamo ringraziarlo per averci fatto vivere questo fatto che non cambierà nemmeno dopo centinaia di migliaia di anni, e per averci fatto capire l'orgoglio di essere nati e di vivere in queste terre. Lo commemoriamo nell'anniversario della sua morte, come sempre, con infinito rispetto, amore e un desiderio crescente.

Oggi abbiamo voluto commemorare il Grande Leader Mustafa Kemal Atatürk con i suoi ricordi aggraziati. Con le espressioni dei parenti di Atatürk, persone che hanno avuto la possibilità di sedersi allo stesso tavolo con lui e scambiare idee con lui, ti sentirai ancora più orgoglioso ed emozionato mentre li leggi davanti a te, ricordi che rimarranno impressi nel tuo memoria ...

"Ora tocca a noi 'essere un uomo' contro questa nazione benedetta"

Un giorno, Mustafa Kemal Atatürk incontra un contadino che cerca di arare un bue da un lato del suo aratro e un asino dall'altro, e gli chiede perché non ha due buoi.

Quando Halil Ağa sente la domanda di Atatürk e si rivolge a lui, non riesce a capire chi sia e improvvisamente inizia a preoccuparsi per lui. Spiega che l'anno precedente doveva delle tasse perché non aveva abbastanza prodotti, quindi i funzionari delle tasse hanno acquistato uno dei suoi buoi.

A questo punto, Atatürk gli chiede perché non è andato dal capo, dal governatore distrettuale o dal governatore. D'altra parte, Halil Ağa dice: "Non fatemi ridere, signore. Non lo sanno il capo, il governatore distrettuale o il governatore?" Atatürk disse: "Allora perché non sei andato da Ismet Pasha?" dice. Halil Ağa, d'altra parte, con il conforto di non conoscere Atatürk, dice "Non mi metteranno alla sua porta. Teniamolo, non mostreranno il nostro enorme İsmet Pasha. Aspetta, gli hanno mostrato come brucerò la mia condizione ... ".

Alla fine, Atatürk non riuscì a sopportarlo e disse: "Mustafa Kemal era seduto lì in estate. Se tu andassi a parlargliene". dice. Questa volta, Halil Ağa ha detto: "Ci vuole il potere di un profeta per vedere il volto del nostro Mustafa Kemal Pasha ... E lo abbiamo visto. Guarderà dal dorso del nostro bue dal mangiare e dal bere, dal suo lavoro? ? " dice. Dopo questo discorso, Atatürk lascia il lato del contadino e chiama immediatamente İsmet Pasha e gli dice di radunare tutti i ministri e i deputati che può raggiungere e venire a cena.

Mustafa Kemal Atatürk, che ha anche invitato Halil Ağa a cena tramite il suo aiutante, gli dice di trasmettere ciò che gli ha detto ad Halil Ağa, che ha ospitato come capo del personale. Sebbene non volesse trasmettere ciò che ha detto alla rete, che era imbarazzata perché aveva capito di aver parlato con Atatürk, Atatürk racconta le conversazioni una per una e quella sera, dopo aver visto fuori Halil Ağa, İsmet Pasha ha subito chiesto ai ministri e deputati per correggere le leggi che hanno portato a questa situazione, se necessario, per sostituirle con una nuova. Dice che dovrebbe essere preparata una legge e aggiunge: "Avete visto lo stato del nostro Signore, signori? Se lo stato tratta ti piace questo, cosa faresti? Questa è la nazione benedetta ... Ora tocca a noi "essere un uomo" contro questa nazione santa ".

Quel giorno si gettano le basi di una legge ancora valida.

Legge esecutiva e fallimentare, l'articolo 82/4 è il seguente: "L'agricoltore mutuatario, d'altra parte, deve provvedere al sostentamento della terra e degli animali da fattoria e dei veicoli da trasporto e altri accessori e strumenti agricoli necessari per il sostentamento di se stesso e della sua famiglia; in caso contrario, gli strumenti, le attrezzature ei libri necessari per le arti e la professione, e piccoli lavoratori dei trasporti come cocchieri, barcaioli, facchini. i mezzi di trasporto non possono essere attaccati ".

"Guarda la grazia. Giovinezza, bellezza, che bella cosa."

Durante la sua visita a Yalova, Mustafa Kemal Atatürk li invita a una serata speciale per incontrare Bedia Muvahhit, una delle prime attrici musulmane, e le sue amiche recitatrici. Bedia Muvahhit, che era preoccupato di non avere un vestito elegante per andare all'invito, all'inizio non ha voluto accettare questo invito, ma ha partecipato alla serata a seguito dell'insistenza dell'aiutante di Atatürk, e poi ha descritto ciò che ha vissuto quel giorno come segue:

"Una grande sala. Dentro le luci. La moglie di Ruşen Eşref, la moglie di Falih Rifki, tutte le donne sono nei bagni. Indossavo un vestito di lana ... Sono entrato nell'atrio, spaventato, come una Cenerentola.

Non appena vedi Atatürk, "Guarda la grazia. Giovinezza, bellezza, che bella cosa ", ha detto. "Signore, quanto siete eleganti tutte voi, ma guardate quanto è elegante Bedia con il suo vestito di lana", ha detto. Appena ho detto, sono tornato in me, mi sono visto ricoperto di diamanti ".

"Ho insegnato tutto a questa nazione, ma non potevo insegnare la servitù"

Uno dei ricordi di Mustafa Kemal Atatürk, che abbiamo appreso grazie a Cemal Granda, che è stato nei nostri ricordi e lo ha servito per molti anni, è della cena in cui il re d'Inghilterra Edoardo 8 fu ospitato nel Palazzo Dolmabahçe. Cemal Granda descrive ciò che accadde quella notte come segue:

"C'erano sempre camerieri turchi al tavolo. Uno di loro era eccitato e improvvisamente cadde sul pavimento con un grande piatto in mano. Anche i pasti erano sparsi sui tappeti. Gli ospiti diventarono rossi per il loro imbarazzo. Ma Atatürk si chinò in avanti. al Re: "Ho insegnato tutto a questa nazione, ma non potevo insegnarlo!" Ha detto. In quel momento, tutte le persone al tavolo ammiravano l'intelligenza di Atatürk ".

"Questo avvertimento dovrebbe essere un principio per tutti e per tutto".

Muzaffer Kılıç, uno degli aiutanti di Mustafa Kemal Atatürk, racconta un ricordo vissuto con lui come segue:

Quando siamo venuti a Sivas per il congresso da Erzurum, avevano preparato il liceo di Sivas come quartier generale di Mustafa Kemal. Mentre il Pascià passeggiava per le stanze preparate per lui, notò il cuscino atlante foderato di giallo nella camera da letto, dietro il letto. Sul cuscino c'era il seguente distico ricamato con un filo scuro:

Persone orgogliose e ferite dall'ignoranza del mondo

Se fossi un sultano, lasceresti questo iwan (anche se fossi il Sulayman del tempo, lasceresti questo mondo)

Atatürk si è fermato dopo aver letto l'articolo. Ha convocato Mazhar Müfit Bey. Beyti gli ha fatto leggere. Mazhar Müfit:

"Mio Pasha, questo non è scritto per te." Ataturk ha detto:

"Questo avvertimento dovrebbe essere un principio per tutti e per tutto". ha dato la risposta. "

"Se alziamo un soldo per il pane, ai poveri saranno tolti 2 centesimi, ai ricchi nulla sarà tolto".

Sofracıbaşı İbrahim Ergüven, che ha servito il servizio di Atatürk per 13 anni, descrive un ricordo che ha vissuto con lui come segue:

"Avevo preparato di nuovo la tavola una sera. Quando Recep Peker era primo ministro, sono venuti con alcuni alti funzionari del Ministero delle finanze. Il signor Recep ha detto: 'Abbiamo un problema, Sua Santità Pasha. C'era un deficit in il budget, volevano alzare il pane di un centesimo e chiudere il deficit in questo modo ". disse. Allora Ataturk non voglio giocare con il pane della nazione. Trova un'altra fonte di reddito ", ha detto. Poi si gira verso di me in piedi dietro di lui e dice 'Vediamo e chiediamo alla gente. Cosa dice di questo? "Ha detto.

Ho detto: "No Pasha, non sarebbe giusto", "Perché una persona povera può mangiare 2 pagnotte al giorno e nutrire il suo stomaco con il pane. I ricchi mangiano ciambelle, mangiano torte e mangiano torte. Se raccogliamo un centesimo per il pane, 2 kuru vengono tolti ai poveri e niente ai ricchi », dissi.

Allora Atatürk ha detto alle persone intorno al tavolo: "Fate quello che dice la gente" "

"Maestro ... non ci sono stati così tanti" ministri "ma un" veggente "?

Uno storico e scrittore Cemal Kutay racconta un ricordo vissuto con Atatürk come segue:

"Fino a quando un edificio chiamato 'Exhibition House' non è stato costruito ad Ankara, non c'era una galleria di pittura. Anche Mustafa Kemal aveva una scelta: sarebbe venuto a queste mostre il primo giorno o l'ultimo. Perché? Il primo giorno sarebbe arrivato; a attirare l'attenzione ... L'ultimo giorno sarebbe arrivato; per conoscere le conseguenze di questo interesse ...

Il pittore Şevket Dağ riuscì a realizzare sette opere e sette dipinti quell'anno, nel 1935 ... Era troppo tardi per portarli. Lo abbiamo accolto, i suoi lavori sono stati pubblicati e ogni giorno creiamo una notizia sul giornale. Il nostro caro editore, Falih Rıfkı Atay ha detto: "Parliamo della mostra di Şevket Dağ. Lasciate che l'attenzione sia risvegliata".

E Şevket Dağ sta aspettando nel caso vengano a prendere i suoi dipinti. Non c'è movimento, è in grande tristezza. Anche a Münir Hayri: "Se non posso vendere questi quadri, penso a come riprenderli, stai sicuro ma ho un modo per tornare a Istanbul". dice.

Stiamo anche facendo del nostro meglio. L'ultimo giorno è arrivato. Atatürk dovrebbe arrivare con grande entusiasmo. Nel pomeriggio è arrivata una telefonata al giornale: Atatürk verrà a visitare la mostra. Ho comprato Foto Cemal, non vediamo l'ora. Şevket Dağ lo salutò sulla porta. "Come stai, maestro?" chiese. Non ho mai incontrato un altro grande uomo così gentile, educato e così attraente per l'anima dell'altra persona. Entrano nella sala e stanno un po 'davanti ai dipinti, ognuno dei quali è un capolavoro a parte, chiedendo quando è stato realizzato, ottenendo informazioni.

Poi improvvisamente si voltò e disse: "Maestro mio, è venuto il ministro della Pubblica Istruzione?", "È venuto", disse "Evket Dağ. Ataturk iniziò a contare 10 o 11 ministri, che erano nel gabinetto in quel momento, uno dopo l'altro:

- "Il ministro dell'Economia è qui?"

-"È venuto."

- "Il ministro della Difesa nazionale è qui?"

-"È venuto."

- "Il Primo Ministro è qui?" disse.

- "Sì, signore, è arrivato anche il primo ministro", ha detto.

Con quel che si addice, quel sorriso meraviglioso, che è l'espressione di una contabilità e di un pensiero:

- "Maestro ... Non ci sono stati ancora tanti" ministri "" visti "?" disse.

E Hasan Rızaya si voltò:

- "Soyak ... Portiamo questi capolavori alla villa e guardiamoli al meglio." E pagando dal suo conto a İşbank, cioè i suoi soldi personali, ha preso quei dipinti e se ne è andato. Hey Goca Adam Hey! "

"Amico, hai coltivato un albero così grande nella tua vita da tagliarlo?"

L'architetto di giardini di Atatürk Mevlüt Baysal racconta una conversazione tra loro come segue:

"Stavo costruendo il giardino della villa Çankaya. Un giorno Atatürk, il suo aiutante e io stavamo girovagando per il giardino. Un albero molto vecchio e grande copriva la strada su cui Atatürk sarebbe passato costantemente. Un lato dell'albero era un ripido crinale e l'altro lato era una piscina con acqua drenata.Atatürk era al lato della piscina. Appoggiato alla parte, attraversò.

- "Se ordini, tagliamolo subito, Pasha." Mi ha guardato per un momento e poi ha detto: "Ebbene, nella tua vita hai fatto crescere un albero tale che lo taglierai". "

L'ultimo caffè bevuto da Atatürk ...

Il 7 settembre 1938 ebbe luogo la seguente conversazione tra il suo medico e Atatürk sulla sua malattia:

"Vedo che non prendi in considerazione i miei suggerimenti. Tuttavia, la tua salute è fondamentale. È molto piacevole che tu abbia ridotto il fumo, ma per favore non bere caffè con esso. Al momento, una tazza di caffè è più pericolosa per te che un bicchiere di alcol. Per favore, lasciamo perdere l'abitudine di bere il caffè. "

"Va bene, dottore, facciamo quello che vuoi. Ma ti offro di bere insieme la mia ultima tazza di caffè."

Dopo questo discorso, Mustafa Kemal Atatürk, che ha sorseggiato il suo ultimo caffè con il suo medico, dopo un po 'invita Sabiha Gökçen al suo fianco e dice:

"Dai Sabiha, vieni ragazzo. Ti svelo un segreto. Vedi quella tazza di caffè sul tavolo? È l'ultimo caffè che ho preso ... Il professor Fiessinger mi ha severamente vietato di bere il caffè."

Dopo questo discorso, Sabiha Gökçen nasconde la tazza di caffè sul tavolo. Con i suoi fondi di caffè. Prima di morire, ha regalato allo scrittore e al suo figlio spirituale, Eris Ulger, la tazza di caffè, che ha tenuto per 65 anni e di cui vedete la foto sopra, ha ancora dei motivi.

L'ultimo carciofo che non ha potuto mangiare ...

Kılıç Ali, noto come il confidente di Atatürk, racconta l'incidente del carciofo accaduto poco prima della morte di Mustafa Kemal Atatürk e che ci ha legato la gola ogni volta che abbiamo sentito e letto:

"In quei giorni, Atatürk voleva i carciofi. Poiché non era di stagione, Hasan Rıza Soyak aveva ordinato i carciofi da Hatay per telefono. La mattina successiva della seconda puntura (prelevando fluido dal corpo con un ago), mi chiese quando Sono entrato nella sua stanza, gli ho detto che era stato ordinato e che arriverà in questi giorni. Era contento. Questo piatto di carciofi è stato il primo e l'ultimo pasto che Atatürk aveva ordinato avidamente in tanti anni che ero con Atatürk.

Kılıç Ali racconta anche quello che è successo il 10 novembre e dice:

"Atatürk, che eravamo pronti a sacrificare anche la nostra vita se necessario in modo che la sua vita non fosse intesa in alcun modo, lasciato davanti ai nostri occhi in pieno giorno, dicendo addio alla vita mortale, tutti avevano le mani giunte, si trovava in grande impotenza e nessuno poteva fare nulla. Con Soyak e İsmail Hakkı Tekçe, stavamo tenendo le mani unite e rimanendo in piedi nell'ultimo rispetto. Hasan Rıza non poteva sopportarlo, disse con grande dolore: "Guarda la spada, una storia enorme sta morendo!

... e il 10 novembre 1938

Hilmi Yücebaş descrive un incidente accaduto quel giorno come segue:

"L'anno è il 1938, il 10 novembre ... Si sono sentite le famigerate notizie di coloro che passavano dalle 9:00 alle 17:00 all'Università di Istanbul ... C'è un professore tedesco alla Facoltà di Giurisprudenza, ha sentito anche lui ed è rimasto sorpreso. quella volta gli viene in mente di rivolgersi al rettore, si alza e va da lui.

«Signore, ero titubante. Cosa dovrei fare? '

Il Rettore risponde: "Fai quello che fanno quando un grande uomo muore in te". Poi il professore tedesco dice con le braccia pendenti da entrambi i lati:

'Un uomo così grande non è morto nel nostro paese ...' ''

Con rispetto, amore e desiderio per Mustafa Kemal Atatürk ...

messaggi recenti