Facile realizzazione e manutenzione di terrari passo dopo passo a casa

Ti piacciono i terrari, uno dei nomi più in voga degli ultimi anni, almeno quanto noi Se vuoi avere dei terrari in casa in cui coltivi piante deliziose, avvicinati in questo modo.

Che sia diventata una tendenza o meno, quando pensiamo di acquistarlo già pronto, generalmente incontriamo prezzi che bruciano la paghetta, non importa quanto siamo entusiasti, rimandiamo sempre questa richiesta dicendo "Troverò il più conveniente uno". Sì, forse molti di noi stanno vivendo questa situazione, è vero.

Ma oggi le cose stanno cambiando. Acquistiamo i materiali più convenienti possibile, realizziamo il nostro terrario a casa!

Diciamo tutto ciò che devi sapere dalla costruzione del terrario alla cura del terrario, realizziamo terrari non solo per noi stessi ma anche per i nostri amici e amici.

Quindi è ora di imparare passo dopo passo come realizzare un terrario!

Che bellezza è questo: che cos'è un terrario?

Il terrario è l'arte di coltivare piante, che letteralmente significa "acquario di terra", in cui viene creato uno spazio naturale e in miniatura.

I terrari, che negli ultimi anni sono stati molto apprezzati nel nostro paese, sono in realtà una delle bellezze conosciute in tutto il mondo da molto tempo e sono spesso preferite nella decorazione della casa. Se vuoi conoscere queste piante nei loro contenitori speciali che creano un piccolo ecosistema al loro interno e persino un terrario, devi iniziare conoscendole in modo più dettagliato.

Certo, non è possibile coltivare tutte le piante: piante da terrario

Coloro che vogliono creare il proprio terrario a casa ma non sanno molto di piante dovrebbero prima sapere che non tutti i tipi di piante cresceranno nel terrario. Come abbiamo detto sopra, poiché terrario significa creare un piccolo ecosistema in contenitori speciali, questo spazio ovviamente non è un'area in cui ogni pianta può adattarsi. Per questo motivo, è di grande importanza che le piante da selezionare per la costruzione del terrario siano le piante giuste. Ad esempio, è importante che la pianta che coltiverai in un terrario possa adattarsi ad ambienti umidi e non gradisca ricevere la luce solare diretta.

Allora cosa sono quelle piante? Diciamolo subito: Cactus, succulenta, felce, groviglio, phytonia, ombrello giapponese, viola in miniatura, e anche se il nome suona estraneo a noi, selaginella, pilea, peperomia, che puoi ottenere facilmente dai fioristi o dai siti di shopping online.

Prepariamo i materiali: materiali per terrari

Ora che sai quali piante sono adatte per il terrario che preparerai, è tempo di riunire i materiali. In questa fase, il tuo piacere entra in gioco per primo. Puoi scegliere il contenitore speciale, le piante e i materiali decorativi che utilizzerai per il terrario che desideri guardare nella tua casa, come desideri. In generale, tutti i materiali di cui avrai bisogno nella costruzione del terrario sono i seguenti:

  • Vetro, campana trasparente, barattolo o altro contenitore a piacere
  • Piante da terrario che desideri
  • Ghiaia
  • Torba
  • Carbone di legna o carbone attivo
  • Pinzette lunghe (se utilizzerai un contenitore a bocca stretta)
  • Una bottiglia con una punta a spruzzo per l'irrigazione
  • Ornamenti decorativi che desideri
  • "Com'è fatto un terrario?" Per chi dice: fare il terrario passo dopo passo

    Ora che abbiamo imparato tutti i materiali per preparare un terrario, è il momento di costruirlo. Ecco, spiegiamolo passo dopo passo.

    1 ° passo: Lavate bene il contenitore di vetro che userete per il terrario, risciacquate e lasciate asciugare completamente. Asciugalo bene fino a quando non rimane una sola goccia d'acqua su di esso.

    2a fase: Posiziona i ciottoli allo stesso livello sul fondo del contenitore completamente asciutto. I ciottoli impediranno all'acqua che si accumula sul fondo di far marcire le radici delle piante.

    3a fase: Spargi il carbone o il carbone attivo tagliato a pezzetti sui ciottoli. Questo materiale non impedirà la crescita dei batteri che potrebbero formarsi nel contenitore e non permetterà al tuo terrario di infettarsi. Allo stesso tempo, manterrà il terreno che metti in salute più a lungo.

    4 ° passo: Dopo la brace, aggiungi il terriccio chiamato torba, noto anche come ammendante, nella pentola e premilo leggermente. Questo terreno ricco di sostanze organiche sarà il terreno più adatto per far vivere in modo sano la tua pianta.

    5 ° passo: Fai dei buchi leggermente quanti sono il numero di piante che pianterai sulla torba che hai posizionato. Attenzione, non è necessario scavare una buca abbastanza profonda per entrare nello strato di carbone. Quindi posiziona bene le tue piante in questi buchi senza danneggiare le loro radici. Fissa le tue piante al terreno con il terreno sui bordi.

    6 ° passo: Dopo aver posizionato le piante, innaffiale leggermente con un flacone spray e mantieni il terreno umido.

    7 ° passo: Decora il tuo terrario come desideri con piccoli giocattoli e ornamenti decorativi. Non utilizzate materiali che possono danneggiare le vostre piante durante la decorazione, non impedite alle vostre piante di vivere in modo sano realizzando troppi ornamenti. Questo è tutto!

    Non significa "l'ho fatto": manutenzione del terrario

    Abbiamo preparato i nostri terrari, ma è finito? Ovviamente no. Ovviamente anche i terrari necessitano di manutenzione, anche se non è molto impegnativa.

    Prima di tutto, non dovresti posizionare i terrari che hai preparato alla luce diretta del sole, potrebbero riflettere i raggi del sole perché sono nel vetro e le piante potrebbero morire a causa del calore eccessivo. Per questo motivo sarà sufficiente mantenere i vostri terrari solo in un luogo luminoso. Se le alghe hanno iniziato a crescere all'interno delle finestre del terrario, significa che sono esposte alla luce solare diretta più del necessario. Se incontri una situazione del genere, dovresti cambiare immediatamente la posizione e pulire il muschio.

    Per quanto riguarda l'irrigazione, sebbene vari a seconda della pianta che pianterete, non necessitano di molte annaffiature poiché ci sarà già una certa quantità di umidità nel bicchiere. In generale, sarà sufficiente che il terreno sia umido. L'irrigazione può essere effettuata una volta al mese per i cactus e una volta alla settimana per altre piante. Per determinare esattamente quando irrigare, puoi controllare il terreno con il dito ogni giorno per misurare se è umido, e quando inizia ad asciugare, puoi irrigare il terreno con un flacone spray per inumidire nuovamente il terreno.

    Se si forma vapore sui bicchieri del terrario, significa che stai annaffiando molto. Se incontri una situazione del genere, dovresti assolutamente ridurre la frequenza o la quantità di irrigazione.

    Infine, non dovresti provare a cambiare il terreno dei tuoi terrari troppo spesso, puoi persino usare lo stesso terreno per 1,5-2 anni. Se piante ed erbacce diverse iniziano a comparire nel terreno, devi pulirlo immediatamente e mantenere sempre pulito il terreno e le piante che coltivi.

    messaggi recenti