Famiglia Lykov che ha vissuto una vita isolata nella foresta per 42 anni mangiando cortecce

Pensa a una famiglia di 6 persone. Nonostante le temperature siano scese a meno 40 gradi, lascia che continui a lottare per sopravvivere completamente lontano dalla società per 42 anni in una foresta desolata situata a 250 chilometri dall'insediamento più vicino.

La vita della famiglia Lykov, che è una delle storie più interessanti e misteriose del mondo, è oggetto di libri e film, sorprenderà tutti.

Prendiamo i popcorn, sei invitato a una lunga storia.

Una famiglia che fugge dal governo bolscevico e si stabilisce in una regione deserta della taiga

Tutto inizia con l'omicidio del fratello di Karp Lykov, il padre di famiglia, da parte di una pattuglia comunista nel 1936. Volendo proteggere la sua famiglia, Karp porta sua moglie Akulina ei loro due figli, allora Savin di 9 anni e Natalia di 2 anni, a stabilirsi in un'area deserta della taiga ai margini del fiume Erinat, nel sud-ovest della Siberia. .

Ciò che rende impossibile vivere questo luogo è che è una regione inabitabile nella foresta, a 100 chilometri dal confine con la Mongolia e 250 chilometri dall'insediamento più vicino. Non va dimenticato che durante i lunghi inverni siberiani la temperatura scende a meno quaranta gradi.

I lunghi e rigidi inverni siberiani distruggono tutte le fonti di cibo

Come puoi immaginare, tempi difficili aspettano la famiglia Lykov, che è fuggita dalla città in una foresta deserta. Anche se devono cacciare nella foresta per nutrire le loro pance, non hanno con sé armi da caccia. Devono fare tutto dalla natura con le loro mani. Tuttavia, cacciare in questa foresta è più difficile di quanto pensassero e ci sono stati momenti in cui la famiglia Lykov ha vissuto senza consumare carne per un anno.

Le loro principali fonti di cibo sono le patate e la segale che coltivano davanti alle loro capanne durante i mesi estivi. Ma la nevicata in Siberia nel giugno 1961 rovina tutti i loro piani e tutti i raccolti che hanno piantato vengono distrutti dal gelo.

Si stanno mangiando le scarpe, la corteccia delle betulle, ma la madre Lykov, che non mangia il proprio cibo ma nutre i suoi figli, sta morendo.

Con il don, inizia la lotta della famiglia Lykov contro la vera fame. Nel frattempo, è utile dire che la famiglia ha altri due figli e la popolazione della famiglia è aumentata nel tempo a 6.

Cercando di sopravvivere mangiando le scarpe e la corteccia di betulla nella foresta per non morire di fame, la famiglia subisce la prima perdita in questi giorni difficili e la madre Akulina Lykov muore di fame, che non mangia il proprio cibo per sfamare i suoi figli.

Anche i suoi vestiti sono della natura

L'unica lotta della famiglia Lykov non si limita alla ricerca di cibo. Perché nel corso degli anni, i vestiti su di loro si stanno disintegrando e devono creare i loro vestiti dalla natura. Perché non è facile sopportare il freddo siberiano. Pertanto, riparo e abbigliamento sono una delle esigenze più importanti.

Con l'aiuto del filatoio che portano con sé, le famiglie confezionano abiti con le erbe che coltivano da sole. Le sue scarpe sono fatte di corteccia di betulla.

Dopo il gelo del 1961 che ha fatto perdere la madre, accade un miracolo e si mantengono in vita grazie a un solo seme di segale che trovano nelle loro capanne. Proteggono accuratamente questo seme dal freddo e dai topi e riescono a farlo germogliare, evitando così la fame.

Vengono trovati dai geologi dopo 42 anni

Gli anni passarono e nel 1978, 42 anni dopo che la famiglia Lykov arrivò per la prima volta nella taiga, 4 geologi li trovarono per caso. Gli scienziati che cercano un punto di atterraggio adatto per i loro elicotteri si incuriosiscono naturalmente quando vedono una capanna e un campo coltivato nel mezzo di questo vasto deserto. I geologi si avvicinano quindi alla capanna e trovano la famiglia Lykov. Questa è la prima volta che questa famiglia ha contattato altre persone in 42 anni. Soprattutto le donne della famiglia sono molto spaventate quando vedono gli scienziati. I geologi offrono ai membri della famiglia tè, pane e marmellata per dimostrare la loro amicizia. Il padre di famiglia, che ora è molto vecchio, dice addirittura: "Ho visto il pane, ma non l'hanno mai visto". perché la sorpresa dei membri della famiglia quando hanno visto il pane è tanta.

"Questi 42 anni senza sale sono stati una tortura totale"

Tra i doni dati loro, il sale è il più gradito alla famiglia; Padre Karp, che conosce il sapore del sale dalla sua vita in città, dice che questi 42 anni senza sale sono stati un tormento completo.

Cose diverse emergono mentre i geologi parlano con Karp e la sua famiglia. Ad esempio, II. Non sanno che c'è una guerra mondiale; Quando gli viene detto che l'uomo ha messo piede sulla luna, non ci credono mai. Così isolati dal mondo esterno, così tanti estranei al mondo esterno ...

Agafia, 75 anni, la più giovane della famiglia, vive ancora da sola nella taiga

Gli scienziati stanno cercando di persuadere la famiglia a tornare nel mondo moderno; negano fortemente questo e dicono di essere felici nella taiga.

Tuttavia, la loro felicità è di breve durata e il contatto con le persone moderne non fa bene a loro. Tre bambini della famiglia muoiono improvvisamente nel giro di pochi giorni consecutivi. Si dice che Dimitri sia morto di polmonite trasmessa dagli scienziati giunti al loro posto, mentre Savin e Natalia sarebbero stati uccisi per insufficienza renale causata dalla malnutrizione.

Quando il padre Karp Lykov morì nel sonno nel 1988, Agafia Lykov, la più giovane di una sola famiglia, rimane. Tuttavia, Agafia non lascia la taiga nonostante questo. Nel 1999, Yerefoi Sedov, un ex geologo, costruì la sua capanna a 100 metri dalla capanna di Agafia e per 16 anni divenne il suo compagno in mezzo a questa desolazione.

Quando Yerefoi, che ha perso una gamba, muore nel 2015, Agafia viene di nuovo lasciata sola nella foresta. Tuttavia, questo non gli fa cambiare idea e si rifiuta costantemente di tornare alla vita moderna nonostante la sua età avanzata.

Agafia, che ora ha 75 anni, continua a vivere con quasi una dozzina di cani e gatti nel canile della sua famiglia con l'aiuto di volontari.

Fonte: 1, 2

messaggi recenti