Dettagli sbalorditivi dalla prima filiale di Starbucks aperta in Italia, dove è rimasta assente per 47 anni

Fondata nel 1971, Starbucks sta attualmente vivendo una prima esperienza nella sua storia. Il colosso del caffè, che ha più di 21mila filiali in 65 paesi dalla Cina al Canada, ha 423 filiali anche in Turchia, ma è rimasto lontano dal mercato italiano per 47 anni, ha fatto un grande e rischioso passo e ha aperto la sua prima filiale in Italia.

Puoi leggere in dettaglio perché Starbucks è rimasto lontano dall'Italia, nonostante la sua ispirazione milanese, nel nostro contenuto: Why There Is No Starbucks in Italy?

Sei pronto a visitare con noi la prima filiale italiana di Starbucks, che ha un aspetto molto diverso dalle filiali Starbucks che conosciamo per design e concept?

Apre il primo Starbucks in Italia all'interno dello storico ufficio postale di piazza Cordusio a Milano

Essendo rimasto lontano dall'Italia per così tanti anni, Starbucks deve fare affidamento sul successo della sua prima filiale e sulla buona risposta degli amanti del caffè italiani, in quanto prevede di aprire nuove filiali a Milano nei prossimi mesi.

Fondata su un'area di 2.300 metri quadrati, Starbucks Reserve Roastery si basa sulla torrefazione, la preparazione e la mixology del caffè.

Oltre ai bar, questo gigantesco ramo ha anche sapori artigianali, cucinati al momento da Princi.

All'interno di Starbucks, i clienti potranno anche provare un'esperienza di realtà aumentata (AR) e guardare una rappresentazione visiva della storia di Starbucks quando guardano con la fotocamera del telefono.

Nel design di Starbucks Reserve Roastery, vediamo un omaggio alla storia di Milano.

Mentre i colori vivaci utilizzati nel design degli interni sembrano ispirati a Milano come percorso di moda e design ...

Anche i dettagli in bronzo si sovrappongono all'architettura milanese

Mentre è degno di nota il fatto che il marmo sia stato utilizzato per la prima volta sui soffitti dei bar, questo perché è simile ad altri caffè espresso in giro per Milano.

Howard Schultz, fondatore e attuale CEO di Starbucks: "Con l'apertura della Roastery a Milano, la storia di Starbucks sta completando un ciclo".

Riguardo a questo grande passo, Schultz afferma:

“Quando sono arrivato a Milano per la prima volta nel 1983, sono rimasto affascinato dal senso di comunità che vedevo negli espresso bar della città, il legame rilassato e umano tra baristi e clienti. La storia di Starbucks chiude un ciclo con l'apertura della Roastery a Milano. Da quel primo momento in cui sono stato ispirato 35 anni fa, siamo diventati parte della vita quotidiana di milioni di persone e portiamo con grande rispetto tutta l'esperienza vissuta in Italia. A nome dei nostri 350.000 colleghi e dei milioni prima di loro, sono orgoglioso e onorato di offrire la migliore esperienza Starbucks ai nostri ospiti italiani, che indossano grembiuli verdi ".

Mentre l'Italia è il 78 ° mercato di Starbucks nel mondo, Starbucks ha in programma di aprire nuove filiali a Milano, mentre riflettono la cultura del caffè unica nel mercato italiano, è prevista anche la vendita delle bevande e degli alimenti iconici di Starbucks.

Aggiungiamo che gli italiani, molto legati alle loro tradizioni nel caffè, fanno lunghe code davanti a Starbucks il giorno dell'inaugurazione.

Le lunghe code davanti ad esso il giorno in cui è stato aperto sono interpretate come un segno che Starbucks sta facendo una mossa strategica corretta. Molti italiani dicono che preferiranno i classici caffè italiani per l'espresso, mentre andranno da Starbucks per altri prodotti e atmosfera.

Apprenderemo nei prossimi giorni quale sarà l'interesse a lungo termine degli italiani per questa mossa di Starbucks.

messaggi recenti